1982/83

Dopo cinque stagioni da presidente, Giorgio Del Sabato inizia a defilarsi, lasciando la squadra nelle mani di un gruppo capitanato dal prof. Paticchio e da un team di collaboratori tra i quali De Riù, Hausbrandt e Rovis.Calciatori del calibro di Mitri, Schiraldi, Doto, Bartolini lasciano la Triestina e arrivano calciatori importanti come Ruffini, Trevisan, Pasciullo Tolfo e Pedrazzini. La stagione è trionfale, l’Unione si riprende la B dopo 18 anni con ben tre giornate d’anticipo, al Grezar, proprio contro quel Parma che quattro anni prima nello spareggio di Vicenza interruppe il sogno. Sulle maglie compare il “cocal”, l’alabarda stilizzata che, in vari formati, comparirà sulle divise fino al fallimento del 1994. Oltre alla prima maglia rossa, vengono utilizzate una seconda divisa bianca ed una terza gialla (visibili nella pagina “MAGLIE MANCANTI”).

1.Sponsor Tecnico: NR. Sponsor Commerciale: SANSON. Calciatore: DE FALCO. Maglia utilizzata nelle prime partite stagionali.

Divisa leggendaria, indossata da Franco De Falco ad inizio stagione prima di strapparsi ed essere tenuta per tutto il resto della stagione da parte dal magazziniere Marcello Bisiacchi che l’ha conservata successivamente per ben 37 anni. Nelle immagini l’esultanza dopo il secondo gol a Fano nella terza giornata (vittoria per 2-1), dove si può notare la particolare cucitura del numero 7 leggermente storta ed un primo piano di Franco sulla copertina del numero speciale di Trieste Sport dedicato alla storica promozione.

 

2.Sponsor Tecnico: NR. Sponsor Commerciale: SANSON. Maglia utilizzata nel corso della stagione da Trevisan e Prevedini.

Sulla divisa a manica lunga usata nei mesi invernali la parte bianca sulla schiena è ridotta ed il tessuto è più pesante. Nelle immagini, una foto di tutta la rosa 82/83 schierata a metacampo e due istantanee di De Falco, nella prima affiancato dal suo gemello del gol Tiziano Ascagni.