Denis Godeas

Nato a Cormons, in provincia di Gorizia, il 25 luglio 1975, dopo un anno nel settore giovanile del Medea e due in quello dell’Itala San Marco, passa alla Triestina, con cui gioca inizialmente per tre stagioni (9 presenze totali con 1 rete). A seguito del fallimento alabardato del 1994 passa all’Udinese, con cui disputa una sola partita in serie B, prima di iniziare una lunga trafila di prestiti con Sora, Prato, Cremonese, Livorno, Triestina, De Graafschap (in Olanda non scenderà mai in campo) e Treviso. Nel 2000 viene acquistato a titolo definitivo dal Messina, con cui ottiene la promozione in serie B (in due stagioni siciliane scende in campo 65 volte mettendo a segno 25 reti). Nella stagione 2002/2003 esordisce in serie A con il Como (12 partite e un gol) che a gennaio lo gira al prestito al Bari in serie B. Nel 2003/2004 si apre la sua terza parentesi alabardata: in tre stagioni di serie B registra 109 presenze condite da ben 35 reti, che gli valgono la seconda chiamata della carriera in serie A. Gioca a Palermo da gennaio a giugno del 2006, segnando tre gol in A (di cui uno a Torino contro la Juventus) ed uno in coppa Uefa contro lo Slavia Praga, per poi accasarsi fino a gennaio 2007 al Chievo Verona. Abbandona la serie A scendendo in B col Mantova, in cui milita per due stagioni e mezza mettendo a segno 44 reti nelle 102 presenze complessive tra campionato e Coppa Italia. Curiosità: esordisce coi virgiliani nella storica partita che vede la prima sconfitta in serie B della Juventus retrocessa per “calciopoli”. Nella stagione 2007/2008 vince la classifica capocannonieri di serie B con 28 reti, record personale in carriera. Nel 2009 si apre la quarta esperienza in alabardato, con due stagioni in B ed una in Lega Pro Prima Divisione (110 presenze e 30 reti). Nel campionato 2012/2013 scende di una categoria accasandosi a Venezia, prima dell’ultima stagione con la maglia della Triestina (piombata in serie D dopo l’ennesimo fallimento del 2012). Passa le due stagioni successive a Monfalcone, in Eccellenza e poi in D, prima di scendere nuovamente in quinta serie andando al Lumignacco, in cui ricopre il doppio ruolo di giocatore-allenatore. Nel 2017 torna a Monfalcone in seconda categoria (29 presenze e 26 reti) prima di tornare a Trieste con la Triestina Victory (costola della nuova Unione targata Biasin/Milanese) che trascinerà dalla Terza alla Prima Categoria con 37 presenze e 35 gol. Da segnalare la curiosa parentesi in Promozione nel 2019 col Trieste Calcio (10 presenze e 4 reti nell’ex San Sergio, squadra dell’omonimo quartiere cittadino).

È il cannoniere principe della storia alabardata con 87 reti, davanti a Franco De Falco (82 reti) e Nereo Rocco (66 reti).

E’ uno dei tre calciatori italiani ad aver segnato in ogni categoria del nostro calcio, assieme ad Antonio Martorella e Marcello Diomedi.

Nelle 842 partite da attaccante (dalla serie A fino alla terza categoria) ha segnato 335 volte (dati aggiornati al novembre 2020, fino allo stop dei campionati dilettantistici per la pandemia causata dal virus Sars-CoV-2).

1.Stagione: 1996/1997. Squadra: PRATO. Sponsor Tecnico: Sponsor Commerciale: TDM (Toccafondi Distribuzione)

Cimelio ottenuto da un tifoso del Prato in un’invasione di campo di fine stagione. Sesta stagione da professionista per Denis, che a 21 anni in Toscana scende in campo per 32 volte segnando 7 reti. La squadra della famiglia Toccafondi arriverà sesta nel girone A della serie C1. Nelle due immagini, la squadra schierata nella figurina Panini (con manica lunga, Godeas è il terzo in piedi da sinistra) e un momento della vittoria per 1-2 ad Alessandria del 27 aprile 1997 in maglia bianca, in cui si vede di spalle proprio Godeas col numero 9.

2.Stagione: 2002/2003. Squadra: COMO. Sponsor Tecnico: ERREA. Sponsor Commerciale: TEMPORARY

Prima esperienza nella massima serie per Godeas, che scende in campo 12 volte in campionato ed una in Coppa Italia (proprio contro la “sua” Triestina, vittoria alabardata con rete di Michele Bacis) segnando una rete all’Olimpico contro la Roma (nell’unica immagine reperita sinora, sconfitta per 2-1, Denis indossa la manica corta). I lariani retrocederanno, chiudendo al penultimo posto con 24 punti.

3.Stagione: 2005/2006. Squadra: PALERMO. Sponsor Tecnico: LOTTO. Sponsor Commerciale: MANDI – Provincia di Palermo.

Seconda esperienza in serie A dopo quella col Como. Denis colleziona 22 partite (15 in campionato, 4 in Coppa Italia e 3 in Coppa Uefa) con 4 reti (contro Siena, Juventus, Messina e Slavia Praga). Questo modello viene utilizzato dai rosanero soltanto in casa contro la Roma (45′ per Godeas) e nelle trasferte di Cagliari e Livorno. Nell’unica foto reperita sinora con questo modello, si vede Mario Santana nel match in Toscana (sconfitta per 3-1, Godeas resterà in panchina per tutti i 90 minuti). Nell’altra foto, Denis (con maglia senza gli sponsor) osserva la rovesciata di Giovanni Tedesco negli ottavi di finale di Coppa Uefa contro lo Schalke (sconfitta per 3-0). Curiosità: nelle partite europee indossa la maglia n.90 in quanto la 99 era già stata presa da Matteo Guardalben.

4.Stagione: 2006/2007. Squadra: MANTOVA. Sponsor Tecnico: ERREA. Sponsor Commerciale: NUOVA PANSAC – BAM. Partita: MANTOVA – BRESCIA 2-1 31/03/2007

Nelle due foto, Denis in azione nella partita contro i lombardi, vinta grazie alla doppietta di Caridi (nel Brescia militavano sia il ventenne Marek Hamsik che il futuro alabardato Matteo Serafini, autore venti giorni prima della tripletta alla Juventus di Buffon).

5.Stagione: 2008/2009. Squadra: MANTOVA. Sponsor Tecnico: DIADORA. Sponsor Commerciale: NUOVA PANSAC.

   Partita: FROSINONE – MANTOVA 1-2 24/01/2009

Nelle immagini, tre momenti della vittoria esterna nel fango dello stadio “Matusa”, risolta dalla doppietta di Corona.